Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 8 marzo 2012

Questo componimento è per un Otto marzo pacifico, in cui è data per acquisita la conquista dei diritti della donna, anzi di essa si fa una “Signora” che benevola ha nelle proprie mani il destino degli uomini. Solo l’eco lontana delle lotte del passato, date ormai per superate, rimane nell’animo, in una prospettiva di elevazione sentimentale e morale della vita, anche senza dimenticare i casi numerosi di discriminazione della donna, non soltanto nel mondo che noi occidentali consideriamo non democratico, ma anche nelle cosiddette democrazie occidentali, soprattutto quando la donna, per la sua ricca e naturale specificità, entra in contrasto con il maschilismo ottuso o con la logica del capitale, cioè quando nelle più diverse situazioni non è una merce docile.

Pronta a destriero in groppa, arco in spalla

e punte aguzze all’omero in faretra,

l’Amazzone si lancia e mai non falla

nel perseguir trionfo né più arretra.

 

Ma di’, Dòmina mia, a che l’attrezzo

porti a pugnar battaglia già trionfata?

L’uom che t’è a fronte quieto giace al rezzo

d’olmo e al suol ha l’arma sua posata.

 

Non vuol sommetter la compagna amata,

anzi la vuole al fianco sua Signora.

La guerra antica ormai è terminata.

 

Tu gli sei pari al lato ed ei t’adora,

tra le sue braccia con amor t’accoglie.

Col suo pensier ti corre dietro ognora

 

e cera al guardo intenso tuo si scioglie,

quando il tuo stral d’amore al cuor lo coglie.

Cleto, 8 marzo 2012           Franco Pedatella

Blog: francopedatella.com

Annunci

Read Full Post »

È una riflessione franca e sincera, forse anche istintiva, dettata dalla notizia del rifiuto del segretario nazionale del PDL, Angelino Alfano, di partecipare all’incontro, già programmato e concordato, dei partiti che sostengono il governo con il Presidente Mario Monti ed alcuni suoi ministri, in cui si sarebbe parlato, tra le altre cose, anche di riforma della giustizia e di televisione. Le motivazioni della marcia indietro mi sono sembrate ridicole, non sostenibili sul piano politico, a meno che questo non faccia tutt’uno con quello personale e degli affari, ed inoltre  offensive dell’intelligenza dei cittadini.

 

Attento, Monti! Qui non puoi andare!

Questa è la riserva dei padroni!

Nessuno può a ragion legiferare

ove ha piantato i piedi Berlusconi.

 

Ov’è pubblicità televisiva

e dove la giustizia è da bloccare,

quello è il terreno di riserva attiva

dove Padron Leone può cacciare.

 

E il popolo attende esterrefatto

se d’alcun colle lèvasi un guerriero,

che armato di giustizia e a pugna adatto

 

proponga se qual abil condottiero,

e non si guarda dentro, ove giace

vera democrazia che a tutti piace:

 

quivi è la forza della volontà,

che ai popoli è insegna di progresso!

Di sé fuor tragga giusta autorità

l’Itala gente se al futuro ha accesso!

 

Cleto, 8 marzo 2012            Franco Pedatella

 

Blog: francopedatella.com

 

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: